lunedì 10 agosto

timone blu miniCannitello |
piazza Chiesa | ore 21.30

Calabria: exit o restart? Le ragioni per rialzare la testa

Paola Bottero e Alessandro Russo conversano con

Antonio Viscomi, Francesca Moraci, Giuseppe Raffa,
Nicola Irto, Giuseppe Falcomatà, Antonio Messina

10 agosto STDicono di noi che siamo il peso morto dell’Italia, che sappiamo solo piangerci addosso, che non sappiamo andare #oltre le parole, che non sappiamo fare rete, che non meritiamo le nostre bellezze naturali, che siamo solo ’ndrangheta e malaffare, che siamo il Sud del Sud Italia.
La rassegna seaTOURING è nata proprio per dimostrare, fatti alla mano, che ciò che dicono non coincide con la realtà. E in questa serata, la prima di Cannitello, entreremo nel vivo delle motivazioni che stanno alla base del nostro raccontare: siamo convinti che questo territorio abbia tanto da dire di sé #oltreSCILLAeCARIDDI. Tanto da condividere.

Lo faremo avendo ben presente l’orizzonte davanti a noi, ma soprattutto non perdendo mai di vista la strada, unica, che potrà portarci a un nuovo modo di raccontare questo nostro territorio. Lo faremo attraverso persone che hanno lasciato già molte impronte positive, e che tante altre continueranno a lasciarle. Dal neo vicepresidente della Giunta regionale a una docente di urbanistica che è anche membro del CdA Anas (a proposito di strade), passando per il presidente della Provincia di Reggio, i due sindaci di Reggio e Villa San Giovanni, un giurista che è anche parlamentare, sempre attento a portare a Palazzo Madama le urgenze di questo Sud del Sud.
Le premesse ci sono tutte, con un’unica soluzione: niente exit, solo restart.

antonio viscomiAntonio Viscomi

Nel luglio del 2015 è stato nominato vicepresidente della Giunta regionale della Calabria e assessore al Bilancio e alla programmazione. Nato nel 1961, è laureato in Giurisprudenza e specializzato in Diritto del lavoro nell’Università di Napoli. Professore di I fascia di Diritto del Lavoro dal 1999, già ricercatore dal 1992, ha ricoperto numerosi incarichi accademici (come componente del primo Consiglio d’amministrazione dell’Università di Catanzaro, direttore della Biblioteca giuridica, direttore in carica del Dipartimento di Diritto dell’Organizzazione Pubblica Economia e Società nonché Direttore del Master di II livello in Diritto del lavoro fin dalla sua istituzione nel 2000). È componente del Consiglio direttivo dell’Associazione Italiana di Diritto del lavoro e della Sicurezza sociale. Autore di tre monografie e di un centinaio tra saggi, articoli e note, è stato curatore di otto volumi collettanei. Si interessa particolarmente di lavoro pubblico, mercato del lavoro, immigrazione, nuove identità e vecchie discriminazioni, contrattazione collettiva con particolare riguardo alle esperienze di concertazione sociale locale.

francesca moraciFrancesca Moraci

Docente di Urbanistica del Dipartimento di architettura a territorio e direttore del Laboratorio di strategie urbane e territoriali per la pianificazione dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, nel maggio 2015 è diventata una dei tre componenti del Consiglio d’amministrazione dell’Anas. Era già stata designata all’interno della lista dei ”saggi” chiamati dal Governo Renzi con l’obiettivo di elaborare e valutare il Piano strategico nazionale della portualità e della logistica. Compito portato a termine, per conto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con un occhio particolare al sistema della portualità calabrese e siciliana, a partire dalle specifiche potenzialità rappresentate dal porto di Gioia Tauro. Un’esperienza vissuta dalla Professoressa Moraci a fianco ad alcuni tra i rappresentanti degli attori istituzionali più autorevoli del settore portuale italiano: da Assoporti alle Rete Autostrade del Mare, dalla Confitarma a Contship, fino arrivare ai rappresentanti istituzionali del ministero dei Trasporti, della Cassa depositi e prestiti e della Presidenza del Consiglio.

giuseppe raffaGiuseppe Raffa

Medico, è il presidente della Provincia di Reggio Calabria. Il 30 maggio 2002 è stato nominato vicesindaco di Reggio Calabria e ha ricoperto l’incarico fino al 14 maggio 2010, quando è subentrato come sindaco facente funzioni. Per due legislature è stato eletto nel consiglio provinciale di Reggio Calabria (collegio Pellaro – Motta San Giovanni). Sempre nella città calabrese ha ricoperto la carica di consigliere comunale per quattro legislature consecutive. Il 30 maggio 2011 è stato eletto presidente della Provincia.

Nicola-IrtoNicola Irto

Reggino, classe 1982, inizia il suo impegno da rappresentante degli studenti del Liceo Scientifico Volta di Reggio Calabria in seno alla “Consulta provinciale degli studenti”. Architetto, si dedica all’attività di ricerca scientifica e nel 2008 diventa dottorando di ricerca in Pianificazione Territoriale. Nel triennio del dottorato svolge attività di ricerca anche all’estero (Boston, Barcellona e Bilbao). Componente del consiglio di amministrazione dell’ADI (Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani), nel giugno 2009 è il primo eletto nel consiglio della scuola di dottorato dell’Università Mediterranea. Ad aprile 2011 è dottore di ricerca con una tesi dal titolo: “La nuova Governance degli enti locali: temi e problemi di programmazione e valutazione”. Continua l’attività di ricerca in ambito urbanistico attraverso diverse pubblicazioni scientifiche.
Parallelamente alla vita accademica e di politica universitaria, si iscrive giovanissimo al Partito Popolare Italiano, quindi alla Margherita, partito nel quale è stato il più giovane delegato della Calabria al Congresso regionale del 2003. Quando la Margherita si scioglie per fondare il Partito Democratico, aderisce immediatamente al progetto e nel dicembre 2010 viene nominato membro del Coordinamento provinciale di Reggio Calabria. Nel maggio 2011 è eletto consigliere comunale di Reggio Calabria, il 23 novembre 2014 è eletto consigliere regionale della Calabria. Dal 9 febbraio 2015 è presidente della Commissione Ambiente. Il 28 luglio scorso è eletto presidente del Consiglio regionale.

giuseppe-falcomataGiuseppe Falcomatà

È il sindaco di Reggio Calabria. Dopo la maturità classica presso il liceo Tommaso Campanella di Reggio Calabria, nel 2006 si laurea in Giurisprudenza, per poi perfezionare gli studi presso la Scuola di specializzazione in studi sull’amministrazione pubblica di Bologna. Dal 2010 esercita la professione di avvocato. Nel 2007 è stato il primo degli eletti alla circoscrizione Centro storico di Reggio. Tre anni dopo, nel 2011, entra a far parte del Consiglio comunale della città. Il 6 luglio 2014 vince le primarie come candidato sindaco per il Centrosinistra, per poi essere eletto sindaco il 26 ottobre. È figlio dell’ex sindaco, protagonista della Primavera di Reggio, Italo Falcomatà.

antonio-messinaAntonio Messina

Eletto sindaco di Villa San Giovanni nel maggio del 2015, vantava già comunque un’importante esperienza amministrativa: dal 2010, infatti, aveva ricoperto la carica di vicesindaco con delega al Bilancio e ai servizi esterni. Un quinquennio nel quale ha portato a termine numerose e fondamentali attività amministrative, come le opere del decreto emergenza, il polmone di stoccaggio, il molo di sottoflutto, l’area mercatale, il lungomare e la variante di Cannitello.